trasparenza

 

Le visite agli ospiti della nostra RSA, secondo quanto previsto dall'attuale normativa anti Covid-19, sono permesse previo appuntamento fissato con la portineria della RSA al numero di telefono 0572/477.963.

E' possibile la visita di massimo uno/due persone per ogni ospite.

L'incontro con l'ospite prevedrà sempre la presenza di un operatore della RSA per tutta la durata.

Al visitatore sarà richiesta la "Certificazione Verde Booster" (si intende la Certificazione verde COVID-19 rilasciata dopo la somministrazione della 3a dose) oppure la "Certificazione Verde Rinforzata" (ovvero la Certificazione verde COVID-19 per vaccinazione o guarigione) unitamente ad un referto di un test molecolare o antigenico rapido per la ricerca del virus SARS-CoV-2 e che riporti un risultato negativo, eseguito nelle 48 ore antecedenti.
Qualora il visitatore sia esonerato per motivi di salute dal vaccino, dovrà esibire tale esonero emesso da medico competente ed esibire un test molecolare o antigenico rapido per la ricerca del virus SARS-CoV-2 e che riporti un risultato negativo, eseguito nelle 48 ore antecedenti.

All'ingresso il visitatore dovrà:

1. essere sottoposto alla rilevazione della temperatura tramite termoscanner (se la temperatura rilevata sarà uguale o superiore a 37,5°C la visita non potrà essere fatta);

2. igienizzarsi le mani con apposito gel messo a disposizione dalla RSA;

3. mantenere almeno 2 metri di distanza dall'ospite;

4. lasciare in deposito 48 ore oggetti o alimenti portati da casa (alimenti solo confezionati);

5. indossare la mascherina FFP2 su bocca e naso.

Qualora il visitatore rifiuti l'adesione alle indicazioni di cui sopra, non potrà avere accesso alla struttura.

Qualora l'ospite non sia in grado, per il suo particolare stato di salute, di essere accompagnato all'ingresso della struttura (esempio: ospiti allettati) sarà possibile procedere ad una videochiamata. L'ingresso in struttura per la visita agli ospiti non in grado di andare sul luogo predisposto per le visite è limitato a particolari condizioni cliniche/psicologiche (esempio: fine vita o contesti a rischio di scompenso psichico) dovrà essere concordato con la Direzione. In questi casi è previsto, oltre alla succitata procedura per le visite, l'utilizzo di ulteriori dispositivi di protezione e di quanto eventualmente previsto per il caso specifico a discrezione della Direzione della struttura.